RICONOSCERE, GUARIRE E LAVORARE CON IL POTERE DELLA NATURA

 
Il potere della Natura è visibile in ogni istante. E’ così da sempre ma in questo particolare momento siamo tutti testimoni dei profondi cambiamenti ecologici che stanno avvenendo.
 
Gli scienziati non sono d’accordo sulle cause. Alcuni affermano come questa situazione sia il risultato dell’avidità economica, sociale e politica che ha portato al riscaldamento globale, all’ inquinamento, alla sovrappopolazione e ad una disconnessione totale dalla terra come risorsa essenziale dei nostri bisogni primari: cibo, acqua e aria.
 
Altri affermano invece che si tratta di un ciclo assolutamente naturale che accade più o meno ogni 25.000 anni; il movimento dei continenti; l’innalzamento degli oceani, la natura che si purifica per rigenerarsi e ristabilire l’equilibrio.
 
Una cosa è comunque chiara: questa situazione ci riguarda tutti.
 
Ciò che succede nei casi di terremoto, tsunami e uragani non riguarda solo Haiti , l’Indonesia o il Texas, ma tutto il pianeta perché siamo tutti connessi al corpo della stessa Terra.
 
Quando ci fu l’esplosione di Chernobyl le radiazione furono ritrovate nell’acqua della mia città; Santa Fè, in New Mexico.
Il disastro nucleare in Giappone , la fuoriuscita di olio nel Golfo del Messico, la profanazione della Foresta Amazzonica e tante altre catastrofi causate dall’uomo mettono a dura prova e spezzano la struttura del nostro ecosistema.
 
Le profezie degli Antichi Nativi Maya, degli Hopi, degli Aborigeni Australiani, delle tribù Africane e del popolo Lakota descrivono tutte questo momento come un tempo di cooperazione necessaria per la sopravvivenza del pianeta o la nostra scomparsa come specie sarà molto veloce.
 
La Natura si adatterà e sopravviverà. Forse ha già attraversato tutto questo molte volte. E’ paziente ed ha una creatività senza fine. Noi purtroppo no. Questa situazione è il risultato di una visione del mondo patriarcale e alienante che perpetua la folle illusione del dominio dell’uomo sulla natura e che celebra gli interessi personali, l’ambizione e l’avidità come le virtù più alte.
Ci auguriamo che questo ciclo distruttivo sia vicino alla sua conclusione.