RISVEGLIA LA TUA ENERGIA VITALE 1° Chakra _ Hara


27 - 29  LUGLIO - PESARO 
 

 

In questo corso esploreremo l' Hara e l'energia del primo chakra, attivando la loro forza vitale, il radicamento e la centratura.

Siamo circondati da un'energia infinita, ma ci comportiamo come se fosse limitata; la percezione illusoria che siamo separati dal grande flusso vitale dentro e intorno a noi ci fa vivere in modo misurato e avaro. Non si tratta di risparmiare, ma di attingere alla fonte inesauribile dentro te stesso.

Risvegliare la tua forza vitale ti porterà verso l'ignoto in sentieri inesplorati e trasformerà tutte le strutture limitanti sia mentali che emozionali.

Uno dei problemi fondamentali comuni a tutti gli uomini moderni è la mancanza di connessione diretta con le proprie radici, lo sradicamento porta una percezione di instabilità e un forte senso di insicurezza.
Colui che manca di un centro perde facilmente l’equilibrio, chi vi è connesso ha qualcosa di calmo e abbraccia il tutto.

La maestria nell’azione si manifesta quando l’azione stessa non è più compiuta dall’Io in senso stretto ma da una forza sovrannaturale che noi possediamo e che si palesa attraverso atti perfetti e mirabili quando il piccolo Io si toglie di mezzo. E l’uomo che in un qualsiasi dominio ha preso coscienza di tale forza della propria essenza e sa affidarsi ad essa, per ciò stesso si trova sulla via lungo la quale potrà acquistare un nuovo, libero senso della vita.
Pertanto, con lo sviluppare l’”hara" si dispone di una energia e di una sicurezza per prestazioni e azioni che anche con le capacità materiali più perfette, con la volontà più tenace e con l’attenzione più concentrata non si saprebbero compiere. "Riesce in modo perfetto soltanto quello che viene fatto con l’”hara’". Come la vita nel suo complesso può ampliarsi solo quando l’uomo diviene una sola cosa col proprio centro, del pari ogni manifestazione della vita – sia combattendo, sia dedicandosi ad un’arte, sia nell’amore e via dicendo – "riesce" a chi ha conquistato l’"hara".»

Karl Graf Dürckheim